Percorso di montagna nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, caratterizzato da dure salite ma anche piacevoli discese: adatto a ciclisti allenati.
Le strade interessate presentano scarso traffico veicolare; in alcuni punti, a causa dell’esposizione al freddo dell’inverno e al sole caldo dell’estate, presentano buche e tratti in sterrato. Prestare attenzione, nelle zone
ombreggiate dalla fitta copertura arborea, al fondo stradale che potrebbe presentarsi viscido specialmente nelle prime ore della giornata. Il periodo consigliato va da Aprile fino ai primi di Novembre, in inverno è presente la neve. Il profilo altimetrico è delineato da strappi in salita nei primi 10 km, da una altitudine di circa 900 m fino alla cima più alta, 1425 m in località Acquatremola. Dopodiché la strada serpeggia tra dolci discese e facili salite fino ad arrivare a Rotonda, sede amministrativa del Parco Nazionale del Pollino.

ITINERARIO

Download file: 17_Terranova-Rotonda.gpx

Si inizia dalla piazzetta centrale di Terranova del Pollino in salita verso le cime: di fronte sono visibili la Serra di Crispo, la Serra delle Ciavole, il fitto bosco della Fagosa. Non appena lasciato il centro urbano, la strada che si inerpica verso la località di Casa del Conte, offre quasi subito scenari mozzafiato.
Superando l‘antico sbarramento naturale sull’attuale corso del Sarmento, che in epoche geologiche remote procurò quella fenditura nella roccia calcarea che costituisce la gola denominata la Garavina, si può ammirare questo spettacolo naturale che non è che il primo assaggio degli scenari offerti dai luoghi più
reconditi del Parco. A 10 km dalla partenza si raggiunge Acquatremola, la cima più alta della giornata.
Uscendo dal bosco si giunge ad una piazzola adibita a pista di atterraggio per elicotteri, all‘incrocio a T si gira a destra in direzione del borgo di Mezzana Frida e poi Mezzana Salice, per poi seguire le indicazioni per
S.Severino Lucano. Si giunge nel paese in discesa, oltrepassando il cimitero. È consigliato fermarsi per una sosta nel centro storico. Ripartenza in direzione di Viggianello / Torno / Massiccio del Pollino seguendo, lungo una serie di facili saliscendi, il tracciato della SP4. Dopo, avere oltrepassato le frazioni di Muscello e Falascoso, a circa 38 km dalla partenza, si incontra un bivio: il percorso prevede la svolta a destra verso Torno / Viggianello. La strada continua in una lunga e pedalabile discesa (circa 16 km / 4%) che permette di
spaziare con lo sguardo sulle montagne della confinante Calabria, fino ad arrivare a Viggianello, annunciato dalla presenza del castello che domina il borgo. Oltrepassare il paese ancora in discesa per qualche km fino alla valle del fiume Mercure / Lao da dove si risale verso la meta della giornata. Si termina nella piazza principale del centro di Rotonda. Una sosta ristoratrice e una visita al centro storico completano questo emozionante viaggio nel Parco Nazionale del Pollino.