Distribuita su tre piani e alta venti metri, sorge in pieno centro storico ed è quel che resta dell’antico castello (X-XI sec.).

Sotto i Guevara, conti di Potenza, il castello perde l’originaria funzione di residenza. Donato ai frati cappuccini questi ne fanno una chiesa e un monastero. La nobile famiglia, invece, decide di tenere per sé la torre.

Nel 1810, sottratto ai religiosi, il castello è adibito a sede dell’ospedale San Carlo. Nel corso dei secoli il destino del maniero è travagliato tra cambiamenti di destinazioni e modifiche, fino alla totale demolizione negli anni sessanta, per consentire l’edificazione di una scuola.

www.comune.potenza.it