Espone reperti archeologici rinvenuti negli scavi condotti in Basilicata e riferibili al periodo compreso tra preistoria e tarda età romana, con un’estensione fino all’età medioevale.

Ai piedi della gradinata (Via Ciccotti) è proposta la ricostruzione dell’acquedotto di Potenza di epoca aragonese, mentre al piano terra è collocata parte di una stele funeraria a edicola con iscrizione osca in caratteri greci proveniente da Anxia (Anzi).

Al piano terra si trova anche la mostra archeologica “L’eterno rinnovarsi della vita; i segni e i simboli” con reperti del periodo compreso tra Neolitico e Bronzo Medio, provenienti dalle Grotte di Latronico.

Nel giardino interno, significativa è l’esposizione del Lapidarium, con iscrizioni onorarie e funerarie in lingua latina relative alla Potentia romana nel periodo compreso tra età repubblicana e tardo-antica.

Al primo piano è visitabile l’esposizione archeologica permanente che illustra il percorso crono-culturale delle principali forme di popolamento della Lucania antica con servizio di audio guide.

www.provincia.potenza.it