La chiesa di San Francesco d’Assisi, imponente e prestigiosa, occupa una posizione che la rende davvero esclusiva, tanto da lasciare estasiato qualunque visitatore.

Non c’è sguardo che non resti catturato dalla chiesa di San Francesco D’Assisi (1200), la quale sorge su un’ampia zona di interesse archeologico, che si sviluppa al di sotto della piazza, dove sono custodite testimonianze di frequentazione in epoche preistoriche. Il fascino di questa splendida architettura accresce una volta consapevoli del fatto che sia stata edificata sull’antica chiesetta ipogea dei SS. Pietro e Paolo, cui si accede attraverso una botola dalla terza cappella sulla sinistra della chiesa di San Francesco. La facciata, risultato di un intervento settecentesco, è un buon esempio di architettura barocca. Suddivisa in due parti, quella inferiore oltre al portale presenta cinque finestre con elementi decorativi floreali, quella superiore una statua della Madonna posta sulla nicchia centrale. Sulle estremità del cornicione splendide sono le statue, a destra, di San Francesco, a sinistra, di Sant’Antonio di Padova. L’interno, a navata unica con cappelle laterali, è abbellito da dipinti di artisti napoletani.