Il maestro Vincenzo Velardita nasce e si forma nella barocca Caltagirone e ivi, nel 1985, apre il suo laboratorio. La sua opera si ispira alla illustre tradizione dei figurinai caltagironesi dell’Ottocento, Bongiovanni e Vaccaro; oltre a gruppi e soggetti presepistici, i suoi temi più cari si rifanno a momenti di vita contadina, episodi storici e mitologici. Nelle mani del maestro l’argilla si trasforma e dà forma a uomini e donne della storia sacra, del mito precristiano, di un tempo appena passato; altre volte si piega a comunicare lo stupore per la bellezza e il mistero del corpo femminile, o della forza dell’amore tra uomo e donna e del suo riflettersi nel volto dei figli.
Velardita ha realizzato le statuette del presepe esposto quest’anno al Palazzo del Quirinale: personaggi modellati dalle mani esperte che popolano il presepe, le scene bibliche, mitologiche e quelle che fanno rivivere la vita sociale e familiare di un tempo appena passato.