Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Sul sito de “La Cucina Italiana” <<Peperoni cruschi, luganighe e strascinati con un buon bicchiere di Aglianico. In Basilicata la tradizione esiste e resiste: ecco i ristoranti e le trattorie migliori dove andare a mangiare, spendendo molto poco e mangiando molto bene. La cucina lucana presenta ancora oggi i caratteri sobri dell’antica civiltà pastorale mediterranea: farina di grano duro, olio d’oliva, vino, verdura, legumi, formaggi, carni ovine e suine. A tavola non mancano mai primi piatti di pasta fresca come gli strascinati con ragù e mollica di pane, o secondi a base di baccalà con i pepeperoni cruschi, un ingrediente pressoché onnipresente anche in forme diverse. Altro cardine dell’alimentazione in Basilicata è la carne di maiale: quasi tutte le famiglie ne allevano almeno uno durante l’anno per prepararsi in casa soppressata, pancetta e salsiccia, la “luganega” o “lucanica”, come è testimoniato fin dai tempi di Varrone. Se poi capitate in Basilicata in estate, non è raro incontrare mandrie di bestiame che attraversano i calanchi durante le migrazioni stagionali dai pascoli di pianura a quelli di montagna, fino al momento in cui imboccano la via del mare, come alla fine di ogni estate. E con un clima e una pastorizia così, non possono che esser sempre presenti anche formaggi d’eccezione, rigorosamente accompagnati da un buon calice di Aglianico del Vulture.>> …

Leggi l’articolo