Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Dal Parco del Pollino alla Valle del Sinni, attraversando la Valle dell’Agri e i calanchi, per arrivare a Matera

L’otto ottobre la “carovana rosa” attraverserà la Basilicata e Matera avrà il privilegio di essere luogo di arrivo e di partenza di due tappe distinte del Giro d’Italia, la sesta e la settima. Risalendo dalla Calabria, il percorso si snoderà a partire dal borgo di Rotonda – definito la “porta” del Parco Nazionale del Pollino – fra scenari naturalistici incontaminati dove regna incontrastato il maestoso pino loricato. Successivamente proseguirà per Viggianello, nel cuore del parco lucano, dove la tappa si farà più ardua: ad attendere i ciclisti la sfida più dura con il punto più alto del percorso a quota 982 metri slm. Il Giro farà un traguardo volante a San Severino Lucano, immersi nel lussureggiante scenario del Bosco Magnano, per poi proseguire nel meraviglioso contesto ambientale e naturalistico offerto da Francavilla in Sinni, qui toccherà i territori di Chiaromonte e Noepoli. Si proseguirà poi verso Senise, costeggiando l’invaso artificiale della Diga di Monte Cotugno e si attraverserà la ss.653 costeggiando gli incroci di Colobraro, Valsinni e Montalbano Jonico. Qui si assisterà ad un decisivo cambio di paesaggio: i ciclisti lasceranno alle proprie spalle le aspre vette del Pollino per abbracciare il fantastico scenario lunare offerto dai calanchi nella letteraria e arabeggiante Tursi e nella bianca Pisticci. Suggestivo il passaggio sotto il borgo abbandonato di Craco, prediletto da registi e cineasti per le ambientazioni filmiche. In seguito, la carovana del Giro attraverserà la Ss. Basentana fino al bivio di Ferrandina, in un paesaggio inconfondibile dominato da colline di campi e uliveti, per poi attraversare gli incroci di Pomarico e Miglionico fino a risalire verso il traguardo finale, Matera, città di millenaria e struggente bellezza Patrimonio dell’Umanità.