Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Sono quasi settanta le adesioni pervenute in poco più di trenta giorni da parte di artigiani e designer per l’innovativo progetto integrato di promozione territoriale di APT Basilicata “Fucina Madre”.
«Un risultato eccellente – ha dichiarato il direttore generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale, Antonio Nicoletti – un dato che conferma la credibilità di un progetto su cui tante energie abbiamo riposto perché incarna la vitalità di un intero settore produttivo che coniuga creatività, innovazione, sviluppo culturale, economico e turistico, e che merita un’iniziativa di rilancio strutturata. È evidente che questo risultato ci carica ancor più di responsabilità ma è anche una iniezione di fiducia per tutti, perché significa che la nostra comunità è viva e crede nella ripresa che può e deve arrivare anche attraverso progetti partecipati come Fucina Madre».

Le adesioni pervenute ad APT arrivano da tutta la Basilicata e offrono una interessante mappa di luoghi, esperienze e realtà produttive tra cui emergono Matera e Potenza, ma anche il Vulture, o paesi e città di consolidata tradizione artigiana come Acerenza, Avigliano, e poi Salandra, Pisticci, Tursi, Maratea, e molti altri ancora. Un quadro intergenerazionale che vede esperienze consolidate unite a quelle di tanti giovani designer e artigiani che Fucina Madre intende valorizzare con la creazione della piattaforma web dedicata, dove tutte le realtà produttive sono presentate a turisti e utenti della rete, l’organizzazione e realizzazione dell’Expo da tenersi a Matera a luglio con eventi collegati in altri luoghi della regione, oltre alla partecipazione in Italia e all’estero a design week, borse e fiere per la promozione del viaggio in Basilicata, nei luoghi di Fucina Madre.
«Il risultato della manifestazione di interesse di APT – ha dichiarato l’Assessore regionale alle Attività Produttive, Francesco Cupparo – conferma che l’indotto della creatività è vivo e partecipato e che su questo settore devono concentrarsi tutte le nostre attenzioni in una prospettiva di media e lunga durata. In questo senso, Fucina Madre è un volàno fondamentale, un progetto innovativo capace di coinvolgere l’intero territorio e tutti i soggetti interessati, dalle associazioni datoriali, CNA, Confartigianato, Casartigiani – F.R.A.A.B., CLAAI Potenza, che ringraziamo per il contributo offerto per la promozione dell’iniziativa, ai Licei artistici di Potenza e Matera, all’Università, un’azione coordinata che punta al rilancio complessivo di questo settore, sia in ambito produttivo che turistico».
Il 22 marzo sarà reso noto l’elenco completo dei partecipanti a Fucina Madre 2021 e da quel momento partirà la macchina organizzativa di APT Basilicata per dare avvio a tutte le attività previste.

Tutte le informazioni sulla pagina dedicata a Fucina Madre 2021