Sorry, this entry is only available in Italian.

(Italiano) 16 – Dal blu del Mar Ionio al verde dei boschi del Parco Nazionale del Pollino

Difficoltà: media/alta
Tipo bicicletta: turismo/corsa/e-bike
Partenza: Policoro
Arrivo: Terranova del Pollino
Totale km: 73
Fondo Stradale: asfalto (poco sterrato)
Dislivello salita: 1473 mt
Dislivello discesa: 587 mt
Periodo: da aprile a novembre


Percorso per ciclisti mediamente allenati.

ITINERARIO

Download file: dallo Jonio al Parco del Pollino Itinerario 16.gpx

Si parte da Policoro, l’antica Heraclea. Il mare e l’archeologia, la natura incontaminata del Bosco Pantano, il profumo delle rinomate fragole e degli altri prodotti della terra accompagnano il cicloturista in questo viaggio nella Magna Grecia.
Superata la frazione di Pane e Vino, sfiorando il fiume Sinni, si prosegue in direzione Rotondella. Il paese, che è possibile visitare girando a sinistra al bivio, deve il nome alla sua forma tondeggiante ed è annoverato tra i “Borghi Autentici d’Italia” per la sua posizione strategica.
Proseguendo invece dritto al bivio, si raggiunge Valsinni, il romantico borgo dominato dal castello feudale in cui nacque e visse la giovane e sfortunata poetessa Isabella Morra.
A questo punto il cicloturista fa il suo ingresso nel Parco Nazionale del Pollino. Il paesaggio inizia a cambiare passando dalla bassa vegetazione mediterranea a quella di media montagna: siamo a San Giorgio Lucano.
Usciti dal centro abitato di San Giorgio, all’incrocio per l’immissione sulla SS92, procedendo verso destra è possibile raggiungere San Costantino Albanese, importante centro di cultura arbëreshë.
Dopo 10 chilometri in salita, si raggiunge il punto di arrivo di questo itinerario, Terranova del Pollino (930 mt slm.), location ideale per le attività all’aria aperta più estreme, come torrentismo, rafting e kayak.