Home > Viaggio di nozze, in Basilicata “l’alternativo” è per tutti!
Viaggio di nozze in Basilicata
Pubblicato il 15 aprile 2016

Viaggio di nozze, in Basilicata “l’alternativo” è per tutti!

Roberta e Stefano hanno scelto la Basilicata per il loro viaggio di nozze; sì… avete capito bene, “viaggio di nozze”! Quello che molti fanno in mete esotiche e lontane, loro hanno deciso di farlo in Basilicata.

Roberta e Stefano vengono dalla Brianza, si definiscono una coppia “alternativa” che ama le vacanze slow, il trekking e i viaggi a piedi.

Ci siamo incuriositi quando un nostro operatore di incoming, Ferula Viaggi, ha iniziato a postare sui social il racconto del loro viaggio con l’hashtag #honeymoon e allora li abbiamo chiamati, eravamo troppo curiosi!

Ci hanno raccontato che il loro viaggio di nozze era stato pensato partendo dall’esperienza: “volevamo fare un viaggio molto slow, conoscere la realtà che andavamo a visitare, la cultura del posto e ci è sembrato straordinario conoscere la Basilicata camminando, andando nei paesini, bevendo il caffè accompagnati da persone del posto. La ricerca è avvenuta sul web, abbiamo cercato ‘turismo a piedi Basilicata’ e abbiamo trovato Michele che ci ha subito ammaliato col suo racconto”.

Un viaggio di nozze è un viaggio particolare però! Ci incuriosiva la loro forte motivazione. “Ci piace riscoprire i piccoli borghi della nostra Italia – ci hanno raccontato – volevamo fare un viaggio di scoperta, di ambiente, di cultura e di cibo fuori dall’ordinario”.

Ma un viaggio così in Basilicata lo consigliereste solo a turisti slow o a anche ad altri? “Sicuramente lo consigliamo alle famiglie con bambini, perché i piccoli borghi sono ancora a dimensione umana, e poi per vivere la natura. E sicuramente alle coppie che vogliono fare un viaggio rilassante, noi ci stiamo rilassando! Ovviamente siamo anche “criticoni costruttivi”, la viabilità, gli accessi andrebbero migliorati”.

Li salutiamo e li lasciamo alla loro bella scoperta del coast to coast della Basilicata a piedi da Matera a Maratea passando per le dolomiti lucane, Craco e Pollino, chiedendo loro infine tre parole per definire la loro esperienza;  “mi faccio aiutare da mio marito!”, scherza subito Roberta e insieme tirano fuori i tre aggettivi: “lento, selvaggio e intenso ma Intenso più di tutti perché intenso è il colore del cielo (noi in Brianza un cielo così non lo vediamo mai) intense le persone, intensi i luoghi, intensi i sapori”.

Foto di Michele Cappiello

Galleria Fotografica


matera con nuovo logo