Home > Perri su Parco della Grancia
Pubblicato il 03 luglio 2013

Perri su Parco della Grancia

Di Gianpiero Perri
Direttore Generale Apt Basilicata

La riapertura del Parco della Grancia e del cinespettacolo “La Storia Bandita” ormai giunto al XIII anno di attività, confermano la longevità di un’esperienza che, a giusto titolo, è inserito tra i grandi eventi dell’estate lucana e che richiama nelle aree interne un cospicuo numero di visitatori. Grancia, insieme con gli altri Attrattori collocati nelle aree contermini da Castelmezzano e Pietrapertosa a Campomaggiore sino a Lagopesole, caratterizza e qualifica la proposta di turismo esperienziale che coniuga natura, storia, cultura, divertimento e che alimenta il sistema di accoglienza e di ospitalità che, nel frattempo, si è sviluppato e consolidato nell’area. La straordinarietà del progetto Grancia è nella tenuta e vitalità garantita da un solido volontariato che, mettendo in scena un momento forte della storia della nostra comunità, il Brigantaggio, valorizza la cultura materiale e l’immaginario del mondo rurale in un contesto paesaggistico di particolare bellezza quale è la Foresta Grancia nel Comune di Brindisi di Montagna.
Le competenze tecniche acquisite negli anni nei diversi settori: dall’illuminotecnica all’ingegneria del suono, dalla promozione di gruppi teatrali all’artigianato artistico e ai prodotti enogastronomici, fa della Grancia un laboratorio di professionalità e di micro imprese degne di rilievo. Occorre altresì rilevare l’indiscusso contributo che ha dato e che offre all’immagine della Basilicata turistica proponendo un modello di “Parco storico rurale” e un format artistico spettacolare che ha raccolto il più alto gradimento di pubblico mai registrato in Basilicata nonché una particolare attenzione da parte degli operatori della comunicazione, della saggistica sul Mezzogiorno e degli estensori di guide turistiche che non mancano di proporre all’attenzione del visitatore questo appuntamento estivo.


matera con nuovo logo