Home > Fondazione SoutHeritage ha inaugurato INDEX Area
Pubblicato il 30 giugno 2014

Fondazione SoutHeritage ha inaugurato INDEX Area

southeritageSabato 28 giugno la Fondazione SoutHeritage ha inaugurato INDEX Area: il primo spazio dedicato agli artisti contemporanei lucani all’interno del Centro per la Creatività Cecilia di Tito/Potenza.

INDEX Area nasce dalla volontà di presentare, attraverso una serie di mostre monografiche, gli artisti selezionati per INDEX – Repertorio d’arte contemporanea in Basilicata, un archivio online in continuo aggiornamento (www.southeritage/archivioindex.htm) sulla scena artistica regionale, con una raccolta di portfolio che documenta attraverso immagini, biografie e interviste i percorsi di ricerca degli artisti lucani.

Il progetto, ideato e coordinato da Lucia Ghidoni, dopo un lavoro di selezione svolto dal 2009 con la collaborazione di quattro curatori (Barbara Improta, Antonella Marino, Grazia de Palma e Simona Caramia), acquista ora una dimensione fisica creata per rendere dinamica la struttura dell’archivio, affiancando alla documentazione e alla catalogazione un’attività di promozione e progettazione culturale. Un luogo dove gli artisti potranno divenire parte attiva dell’intero processo, in un contesto significativo dove già sono attive diverse realtà culturali.

L’area scelta all’interno del Centro “Cecilia” è uno spazio particolare, estremo, che gioca tra le categorie di contenitore e contenuto: una scatola in cemento di quindici metri di lunghezza per due di larghezza. Fornita di un’unica entrata con affaccio sul foyer del centro, funzionerà come una sorta di vetrina dell’arte, in quanto lo spazio sarà interdetto alla fruizione fisica del pubblico che potrà vedere l’opera-progetto attraverso un filtro a vetro. Il programma prevede la proposta di una sola opera per artista, prediligendo la tipologia di produzioni in situ: illuminata da sola luce artificiale, resterà visibile fino a che sarà sostituita dal lavoro dell’artista successivo.

Valentina Ferrandes è la prima giovane creativa chiamata a inaugurare lo spazio. La sua ricerca si muove principalmente tra i media della fotografia e il video, impiegati per riflettere sulle architetture, i luoghi, la percezione delle consuetudini culturali e sociali del mondo contemporaneo.

Per INDEX Area ha concepito l’intervento site specific Of shadows and caves, un paesaggio sonoro realizzato con frammenti raccolti durante la ricerca per la sua produzione video The Oyster Effect, qui assemblati per evocare un’esperienza straniante e immersiva, dove una serie di riferimenti sonori apparentemente disconnessi (voci, rumori, cantilene, frammenti di documentari di Luigi Comencini e registrazioni di Luigi di Gianni) sono in realtà una rete di continui segnali che testimoniano e riflettono l’identità fisica e culturale del luogo.

Durante la serata inaugurale, Valentina Ferrandes, la gallerista Tiziana di Caro e gli artisti in residenza presso il Centro Cecilia per il programma Re–aCT (Eva Frapiccini, Ivano Troisi e Giulia Manfredi), coadiuvati da Lucia Ghidoni, saranno i protagonisti di una conversazione che, partendo dalla mostra e da alcuni video della produzione artistica della Ferrandes presentati nel foyer, affronterà tematiche centrali dell’intero progetto Index, focalizzando l’attenzione su che cosa significhi oggi lavorare a contatto con territori liminari come quello lucano, gettando un ponte creativo tra cultura locale e cultura globale.

INDEX Area nasce in un‘ottica di collaborazione e condivisione tra Fondazione SoutHeritage e il Centro per la Creatività “Cecilia” che, da luogo simbolo dello spreco di fondi pubblici, è ora fulcro di attività culturali di vario genere, grazie al progetto di policy pubblica Visioni Urbane (www.visioniurbane.basilicata.it) e al lavoro delle associazioni che dal 2011 ne curano i programmi con un fitto calendario di eventi.

Con Index Area, Fondazione SoutHeritage si pone sempre più come realtà che investe in processi di promozione di beni e talenti del territorio, con azioni orientate al dibattito sulla cultura contemporanea in Basilicata e alla valorizzazione del patrimonio artistico.


matera con nuovo logo